Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Domanda di concessione di contributo per il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.

Visualizzazioni

2

Ultimo aggiornamento:

mercoledì 10 febbraio, 2021

La legge regionale 20 febbraio 1989 n.6, a seguito di modifica introdotta dall’art.3 della l.r.5/2008 consente di erogare contributi per il superamento delle barrire architettoniche e localizzative anche sugli edifici già esistenti, costruiti od integralmente recuperati sulla base di un progetto presentato dopo l’11 agosto del 1989.
Inoltre la legge 9 gennaio 1989 n.13 e relativi provvedimenti attuativi, recano disposizioni per il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati con l’obiettivo di renderli accessibili alle persone diversamente abili, prevedendo a tale scopo l’erogazione di contributi pubblici.

Accedi al servizio

Presentare la domanda di contributo in marca da bollo utilizzando il fac ­simile pubblicato sul BURL 1 Suppl. Straordinario n.1 del 05/01/2010, prima dell’inizio dei lavori, allegando:

1. certificato medico in carta libera, debitamente sottoscritto da un medico, da cui risulti esplicitamente:l’handicap dell’avente diritto all’intervento, la/e patologia/e da cui tale handicap deriva, le obiettive difficoltà che ne derivano;

2. relazione descrittiva, disegni, computo estimativo e/o preventivo di spesa che individuino precisamente ed esclusivamente le opere relative al superamento delle barriere architettoniche oggetto della richiesta di contributo;

3. certificato ASL attestante l’invalidità totale, qualora il portatore di handicap voglia avvalersi della precedenza ai fini della liquidazione del contributo;

4. dichiarazione sostitutiva di atto notorio;

Requisito fondamentale per ottenere il contributo è il rispetto dei requisiti tecnici di adattabilità in osservanza al D.M. 236/1989 artt.4,6,8 che deve essere verificato ed attestato dal comune.

Per l’erogazione del contributo il beneficiario dovrà presentare al comune la/le fatture riportanti le voci di spesa che concorrono all’importo totale della fattura stessa.

Cosa serve

Richiesta di contributo pubblico per opere finalizzate all’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati con l’obiettivo di renderli accessibili alle persone diversamente abili.

Costi e vincoli

Marca da bollo secondo il valore della legge vigente

Ulteriori informazioni

Confermato

Entro il 31 marzo il sindaco, sulla base delle domande ritenute ammissibili, stabilisce il fabbisogno del comune e:
· predispone l’elenco delle domande ammesse;
· comunica alla regione il fabbisogno comunale,
· la regione determina il fabbisogno complessivo e trasmette al ministero delle infrastrutture e dei trasporti la richiesta di partecipazione alla ripartizione del fondo ed integra, sulla base della propria disponibilità, qualora i fondi erogati non siano sufficienti a soddisfare i fabbisogno annuale;
· a seguito dell’avviso di disponibilità finanziaria inviato dalla regione il comune, entro trenta giorni, a seguito della presentazione delle fatture quietanzate e della verifica della congruità delle spese sostenute, eroga il contributo.

Ultimo aggiornamento

10/02/2021